Giappone Asia 

In Giappone mai soli

22 Maggio 2019

Arrivare per la prima volta in Giappone è un’esperienza elettrizzante, ma può essere per certi versi anche
un po’ alienante. La lingua incomprensibile, i kanji illeggibili e certe consuetudini così diverse dalla nostra
cultura provocano un leggero stordimento che si traduce nella sensazione di essere atterrati in un pianeta
alieno.
Ecco perché non è da sottovalutare la possibilità di avere un assistente personale che vi accolga al vostro
arrivo in aeroporto e vi accompagni direttamente in hotel dandovi consigli e istruendovi con una utile mini
sessione di orientamento.

"L'esperienza di One Two Frida"

 

Nonostante questa fosse per me la quinta volta in Giappone, ho testato con piacere questo servizio che ho
trovato molto utile sotto diversi punti di vista. Ecco com’è andata.

Accoglienza in aeroporto

Appena atterrata, dopo aver ritirato i bagagli e passato gli ultimi controlli doganali, ho trovato Corrado ad
attendermi agli arrivi dell’aeroporto di Haneda. Mi aspettava sorridente con in mano un cartello col mio
nome. Ho subito pensato che è proprio bello trovare qualcuno ad attenderti al tuo arrivo! È una sensazione
piacevole, quasi come “arrivare a casa”.
Dopo esserci presentati ci siamo subito messi in azione.

Ritiro Pocket Wi Fi

Nei miei precedenti viaggi “fai-da-te” a questo punto del viaggio, un po’ stanca per le 14 ore di volo e
intontita per il fuso, avrei tirato fuori la mappa dell’aeroporto e mi sarei messa alla ricerca del banco in cui
ritirare il pocket WiFi. Con 4 viaggi alle spalle ci si orienta abbastanza bene, ma la prima volta ammetto che
non è semplice. In ogni caso, non ero mai stata ad Haneda, quindi si trattava di una
prima volta anche per me.
Corrado ha preso in mano la mappa dell’aeroporto e mi ha guidata dritta fino al banco WiFi. Non ho dovuto
fare altro che seguirlo, senza preoccuparmi di capire da che parte andare.
Ritirato il WiFi ci siamo quindi diretti verso i treni per imboccare la strada verso l’hotel.
Tempo trascorso dal nostro incontro al termine di tutte le pratiche aeroportuali: 5 minuti. Senza ombra di
dubbio un servizio veloce ed efficiente.

Accompagnamento in hotel e orientamento

Corrado aveva già con sé i biglietti per il treno, quindi ci siamo diretti al binario e siamo saliti a bordo.
Anche in questo caso, mi sono limitata a seguirlo senza l’ansia di dover controllare binario, direzione, orari.
Semplice e soprattutto rilassante.
Perdersi sulla metropolitana di Tokyo non è difficile, capita a tutti prima o poi! Non che sia poi così grave,
però è una scocciatura: ti tocca scendere dal treno, ricontrollare gli orari, tornare indietro e sperare di
prendere la direzione giusta.

Insomma, una volta atterrato a Tokyo tutto quello che desideri è arrivare il prima possibile in hotel e farti
una bella bella doccia per rilassarti un po’. E in questo caso ho iniziato a rilassarmi già sul treno perché non
dovevo controllare il percorso, né stare attenta alle fermate. Un bel sollievo.
Il tragitto per arrivare al nostro hotel durava circa un’oretta con 2 cambi intermedi. Ne ho approfittato per
fare una bella chiacchierata con Corrado e chiedere consigli per i giorni a venire. Qualcosa tipo: "dove mi
consigli di andare per trovare un buon ristorante di ramen? Cosa potrei fare la notte di capodanno? La cena
in barca nella baia di Tokyo un’esperienza turistica? Consigli di prenotare? Da dove partono le barche?"
Insomma, l’ho letteralmente ricoperto di domande a cui lui ha saputo rispondere con consigli pratici e
dettagli che solo un vero “local” sa cogliere.
Per chi arriva in Giappone per la prima volta è prevista una chiacchierata introduttiva in cui il vostro
accompagnatore vi fornirà tutti gli elementi indispensabili per orientarsi tra quartieri, ristoranti, mezzi di
trasporto e partire alla scoperta del Giappone con una marcia in più.
Corrado ci ha accompagnati fino alla reception del nostro hotel e si è accertato che tutto fosse a posto
prima di salutarci e augurarci un piacevole soggiorno.

Assistenza telefonica in italiano

Una volta salutato il vostro accompagnatore non sarete però soli. A vostra disposizione avrete un numero
di telefono da contattare in qualsiasi momento per avere assistenza in italiano.
Pochi Giapponesi parlano inglese e quelli lo sanno spesso hanno una pronuncia incomprensibile. Cercare di
farsi capire spesso è una bellissima esperienza e fa parte integrante di un viaggio in Giappone, però ci sono
situazioni in cui un aiuto non guasta. Qualche esempio?
Il vostro treno sta per partire, l’addetto al controllo biglietti non vi lascia passare e voi non capite perché.
Che fare? Con l’assistenza telefonica avrete a disposizione qualcuno che vi aiuterà con le traduzioni per
capire quale sia il problema.
La stessa cosa può succedere se avete bisogno di acquistare medicinali o di prenotare un ristorante, con
un’assistenza telefonica disponibile 24 ore su 24 il viaggio assume tutta un’altra connotazione e ci si può
godere tutto il piacere della scoperta accompagnati da una piacevole sensazione di sicurezza e tranquillità.

 

Nicoletta Sala - One Two Frida

 

I social di Nicoletta:

Blog - Facebook - Instagram - YouTube Twitter 

 

Potrebbe interessarti

Viaggio individuale
Giappone per Gaijin
12 notti
Giappone
Giappone per Gaijin

Volete scoprire la vostra anima orientale? Vivete il Giappone come non avete mai immaginato. Metropoli futuriste e paesaggi mozzaf ...

Da 2250 € scopri di più
Viaggio individuale
Sogno giapponese
11 notti
Giappone
Sogno giapponese

Questa esperienza di viaggio Blueberry Travel è stata studiata per svelarvi alcuni dei luoghi più suggestivi del paese del sol ...

Da 2250 € scopri di più

ultimi articoli

5 libri che ti portano in  Giappone
Giappone
09 Ottobre 2019
5 libri che ti portano in Giappone

Vi è mai capitato di leggere un libro che vi facesse venir voglia di partire subito? A noi sì! ...

Mappe e itinerari di Tokyo
Giappone
24 Luglio 2019
Mappe e itinerari di Tokyo

Quando visitate una città a cosa vi affidate per seguire un itinerario e per sapere da che parte ...