Giappone

Totoro: le location in Giappone

04 Novembre 2020

Se sei un fan dello Studio Ghibli e hai follemente amato “Il mio vicino Totoro”, sei nella pagina giusta perché continuando a leggere questo articolo ti racconterò in quali luoghi, in Giappone, potrai sentirti protagonista della soave opera del maestro Miyazaki Hayao.

Potrai correre nelle campagne immense immaginando di avere al tuo fianco Satsuki e Mei, addentrarti nell’intricata foresta incantata alla ricerca di Totoro ed attendere il gatto bus alla fermata.

Se il tuo scopo è immergerti in queste atmosfere, continua a leggere e ti sveleremo dove si trovano le location del capolavoro icona dello Studio Ghibli.

1. La casa di Satsuki e Mei

Dal centro di Nagoya a circa 1 ora di treno (metro Higashiyama Line + Linimo Local Yakusa), si raggiunge l’ Aichi Earth Expo Memorial Park realizzato nel 2005 per l’esposizione mondiale. Il parco Aichi, oltre a subire successive trasformazioni per diventare nel 2022 l’unico vero parco a tema Ghibli di tutto il Giappone (e del mondo), ha una precisa particolarità: presenta al suo interno una fedele riproduzione in scala 1:1 della casa di Satsuki e Mei. L’Aichi Park è anche il luogo ideale per trascorrere una giornata con dei bambini (ma non solo), perché è un parco estremamente gradevole da percorrere con scorci meravigliosi.

Attraversandolo si arriva poi alla casa di Satsuki e Mei, fedele in ogni dettaglio: dal porticato, alla veranda, all’ufficio stracolmo di libri e documenti per proseguire poi con la cucina dove Satsuki prepara la colazione a Mei o la vasca dove insieme al papà si concedono un bagno caldissimo pensando ai folletti della fuliggine che si trovano in soffitta.

La visita alla casa è a pagamento e con una durata massima di 30 minuti per ciascuna visita.

Acquistando i biglietti il giorno della visita si potrebbe rischiare di non trovare disponibilità. Meglio quindi acquistarli in anticipo in un Lawson kombini oppure online a partire dal giorno 10 dei tre mesi prima della visita. In questo periodo la casa è però chiusa a causa dei lavori di costruzione del parco.

2. La fermata del Bus di Totoro

La fermata del bus di Totoro esiste davvero! Anzi, ne esistono due e si trovano nel Kyushu. Divenute ormai meta per chi in Totoro riconosce uno spirito guida e chi, con pazienza, attenderebbe sotto la pioggia con lui l’arrivo del Gattobus.

Una delle fermate, quella che si trova a Takaharu, è nata in realtà come una sorpresa da parte di una coppia di nonni per i loro amati nipotini. Il nonno tuttofare, armatosi di legno, calcestruzzo, fantasia e amore, ha dato forma a Totoro ed alla sua personalissima fermata del bus.

Questa piccola perla nelle campagne giapponesi non è certo passata inosservata ed è divenuta una tappa per tantissimi visitatori (e locali) che scattano una foto in compagnia dello spirito dei boschi più amato al mondo.

3. La foresta di Totoro

Tanto tempo fa, negli anni cinquanta, Satsuki e Mei si trasferiscono col padre nel piccolo villaggio di campagna di Tokorozawa. Oggi il villaggio è diventato una zona costruita, ma i luoghi più incantati sono rimasti perfettamente conservati.

A volte sarebbe bello gattonare nel bosco come Mei alla ricerca “di un Totoro” per addormentarsi serenamente e senza pensieri.

Ok, magari non troveremo Totoro (perché si sa, non si va vedere da chiunque) ma è possibile percorrere quella stessa foresta a Saitama, raggiungibile in circa 1 ora di treno dalla stazione di Ikebukuro con la Ikebukuro Line e cambiando poi per la Sayama Line.

Arrivare qui, a Sayama, significa letteralmente sbarcare in un mondo meraviglioso fatto di decine di percorsi di hiking abbracciati dai laghi Sayama e Tama, che si snodano tra alberi e parchi, passerelle di legno  e piazzuole. Le “foreste di Totoro” qui sono numerate e se ne contano oltre 40 suddivise tra l’area di Yamaguchi e quella del lago Sayama. All’interno di questo ritaglio di mondo dove trionfa madre natura, è possibile visitare il Sayama Hill Flora & Fauna Interaction Center, centro espositivo che racconta la natura durante le quattro stagioni a Sayama. Il centro espositivo presenta anche punti specifici tematici dedicati agli uccelli, agli insetti, alle piante, foreste e arbusti ed è anche presente un luogo dedicato alle farfalle. Totoro non poteva che nascondersi qui, vuoi provare a cercarlo?

Passeggiando per Sayama è possibile arrivare fino ad una abitazione dell’epoca Showa nota come Casa di Kurosuke, la casa è visitabile gratuitamente e aggirandosi per le sue stanze arriverai nel salotto dove Totoro a grandezza naturale, si riposa nel futon guardando serenamente il panorama. All’interno della casa c’è anche una piccola e deliziosa esposizione ed è possibile acquistare gadget dedicati a Totoro. La visita della casa è completamente gratuita ma una donazione è gradita, infatti è solo con le donazioni che casa Kurosuke si mantiene magica così come la conosciamo.

4. Museo Ghibli

Tutti i fan dello Studio Ghibli visitano il Ghibli Museum almeno una volta nella vita, sebbene nel corso degli anni sia diventato sempre più difficile procurarsi i biglietti per via degli ingressi contingentati, chi ci riesce giura che si tratta di una esperienza esaltante e gratificante.

Il Museo  si trova a Mitaka ed è raggiungibile dalla stazione di Tokyo con circa 30 minuti di Chuo Line e 15 minuti di piacevolissima camminata. All’arrivo sarai accolto da un Totoro gigante nella biglietteria (e l’hype sale!). Nel Museo trovano spazio esposizioni, una sala proiezione ed una riproduzione dello studio di Hayao Miyazaki. Nel parco esterno è presente anche una riproduzione del Robot Soldato di Laputa, ma anche i bambini troveranno un modo fantastico al Museo Ghibli, grazie al Gattobus a loro completa disposizione!

5. Shiro-Hige’s Cream Puff Factory

Ok, questa tappa non è proprio per puristi del Ghibli, ma è una piacevole divagazione sul tema. Da Shiro-Hige’s Cream Puff Factory è possibile gustare dei bignè a forma di Totoro! Non si tratta di chissà quale scoperta ma venire fin qui può essere una buona scusa per visitare un quartiere residenziale di Tokyo estremamente tranquillo.

Un avvertimento però: la pasticceria è molto piccola e abbastanza famosa, se desideri gustare tutta la dolcezza di Totoro è bene chiamare per tempo e prenotare i tuoi bignè (potrai anche scegliere il gusto). Sarebbe un peccato fare tutta quella strada per non poter nemmeno vedere (e assaggiare) questi dolcetti così famosi.

La mappa delle location di Totoro

Noi di Blueberry siamo talmente felici di queste location, che abbiamo preparato una mappa per raggiungere i luoghi simbolo di Totoro!

Ovviamente se scegli un viaggio con noi, ti aspettano molte ma mooooolte informazioni in più. 

 

Inoltre…

Non ti disperare se non riuscirai a vedere nemmeno una delle mete che ti abbiamo indicato in questo articolo. Totoro in Giappone è considerato un vero e proprio eroe, amato da tutte le generazioni e presente ovunque.

Se sei alla ricerca di qualsiasi gadget che riporta lo spirito della foresta più amato di sempre, non dovrai fare altro che guardarti attentamente intorno: troverai senz’altro quella bancarella che ha la maglietta di Totoro che cercavi, quel negozio con il quadro di Totoro che desideravi e quel dolce con la stampa di Totoro che volevi mangiare.

Se tutto ciò non fosse abbastanza, ti basterà alzare gli occhi al cielo e vedrai le stesse nuvole che vede Totoro al suo risveglio.

Roberta Manis (in preda ad una terribile crisi di nostalgia per il Giappone).

---

Per visitare il Giappone ti consiglio i nostri GiappoTour: viaggi di piccoli gruppi accompagnati in italiano. Trovi le partenze qui

Se invece vuoi un viaggio su misura, scrivici a info@blueberrytravel.it 

Newsletter

Odiamo lo spam tanto quanto te. Ti invieremo solamente alcune comunicazioni inerenti i nostri viaggi ed in nessun caso il tuo indirizzo sarà dato ai nostri partner.