Berry News

Breve storia delle crociere

04 Marzo 2021

La storia del turismo sulle navi inizia nell'ottocento, quando viene introdotta la propulsione a vapore e sono costruiti i primi transatlantici per trasportare gli emigranti dall'Europa all'America.

Le prime crociere

Il primo embrione di crociera risale al 1833, con un viaggio di circa tre mesi nel Mediterraneo a bordo del piroscafo Francesco I battente bandiera del Regno Unito delle due Sicilie. Questa esclusiva esperienza è riservata a nobili, autorità e personaggi facoltosi; da Napoli la navigazione si svolge tra Sicilia, Grecia, Turchia e trasferisce a bordo la vita mondana fatta di feste, cene di gala e tavoli da gioco.
Negli anni che seguono non sono proposte molte altre crociere, finchè la compagnia Hapag nel 1891 lancia sul mercato un programma di viaggi ricreativi in nave.

Il Titanic

L'evoluzione prosegue lenta ma inesorabile fino al 1912, anno del naufragio del Titanic, progettato per dominare le rotte transatlantiche con un servizio di linea all'insegna del comfort in tutte le tre classi. Il fiore all'occhiello del Titanic è senza dubbio il lusso e lo sfarzo dei ponti di prima classe, dove i personaggi dell'alta società attraversano l'oceano senza rinunciare ai piaceri della vita mondana.
A bordo è disponibile un originale servizio di travestimento che permette ai ricchi visitare in incognito la terza classe e provare l'ebbrezza di una serata di festa nei ponti inferiori. Ma l'attività più richiesta è dedicata alle ragazze e consiste nella visita della vedetta di prua in compagnia di un giovane della terza classe con elevati livelli di testosterone.

Breve storia delle crociere - Titanic

Le grandi guerre e gli anni della ripresa

La prima guerra mondiale e la conseguente crisi finanziaria, interrompono i collegamenti marittimi tra Europa e America, fino agli anni '30 quando Fincantieri di Genova vara il lussuoso transatlantico Rex. All'epoca è una tra le navi passeggeri più grandi del mondo e per anni è detentore del famoso Nastro Azzurro, assegnato alla nave che effettua la più veloce traversata dell'Atlantico.
Questo nome leggendario ha poi ispirato anche una linea di elettrodomestici e presumibilmente anche la serie tv interpretata dall'arguto cane poliziotto.

La seconda guerra mondiale impone un'altra battuta d'arresto, ma ormai il dado è tratto: nel 1948 nasce Linea C, l'antenata di Costa Crociere. La sua attività prevalente è ancora il servizio di linea tra le sponde dell'Atlantico, anche se la compagnia è sempre più orientata ad offrire le prime forme di turismo per mare.
Il 1956 è l'anno del naufragio dell'Andrea Doria ma la crescita prosegue inarrestabile per arrivare agli anni '60, quando viene posta una pietra miliare nel mondo dei viaggi: l'introduzione degli aerei con motore a reazione, meglio noti come jet.
Da allora i voli di linea intercontinentali sono sempre più frequenti, ne consegue il progressivo abbandono dei transatlantici e la ristrutturazione delle navi con nuovi allestimenti pensati per i viaggi di piacere.

Breve storia delle crociere - Transatlantico Rex

L'anno della svolta

Poi arriva la data più importante nella storia delle crociere: è il 17 settembre 1976, giorno in cui la rete americana ABC trasmette la prima puntata della serie Love Boat.
Il telefilm arriva in Italia nel 1980, crea il mito della vacanza in crociera e alimenta i desideri dei turisti di ogni età.
Molti sognano la cena di gala al tavolo del Capitano Stubing, un gustoso cocktail preparato da Isaac nel bar di bordo, ma soprattutto una serata romantica in abito elegante con bacio finale sul ponte panoramico.
Con la Pacific Princess e il suo fantastico equipaggio, il mondo delle crociere compie un salto di qualità: il viaggio in nave non è più un privilegio riservato a pochi ma diviene accessibile a tutti.
Inizia così la planata verso il nuovo millennio, accompagnata da un immaginario collettivo fatto di lusso, cibo offerto in abbondanti buffet e avventure amorose a prezzi contenuti.

Breve storia delle crociere - Love Boat

Gli anni '90

All'inizio degli anni ’90, le compagnie di navigazione introducono nello staff di bordo gli animatori professionisti e ancora una volta lo svago e le attività di bordo rivestono un ruolo fondamentale. Il numero di famiglie è in costante aumento e l'esigenza di intrattenere anche i più piccoli porta alla nascita del miniclub. È un meraviglioso servizio che regala agli adulti il tempo libero necessario per un po' di relax, per amoreggiare ma soprattutto per l'acquisto dei servizi di bordo e per una puntatina al casinò.
La clientela diviene più esigente, internazionale ed eterogenea, così è necessario aggiornare il nome con cui vengono identificate le persone a bordo: dopo essere stati emigranti, passeggeri e clienti ora sono elevati allo status di ospiti.


L'evoluzione non modifica solo la vita di bordo ma anche l'itinerario: per i viaggiatori contemporanei è fondamentale visitare molti luoghi in poco tempo, di notte si naviga e ci si diverte a bordo, mentre il giorno è dedicato alle escursioni a terra.


Non importa quanto tempo si trascorra nelle diverse località, cosa viene visto e come, l'obiettivo è posizionare più bandierine sul mappamondo e più magneti sul frigorifero.
E' difficile comprendere l'emozione di una visita di Barcellona effettuata con una fila di trenta pullman che si muovono contemporaneamente, oppure descrivere lo sbarco a Geiranger, la località più frequentata dalle crociere nei fiordi norvegesi, dove ondate di 5000 turisti – anzi ospiti – invadono ogni giorno il piccolo villaggio abitato da 300 persone.


Alcuni croceristi preferiscono evitare gli sbarchi per restare a bordo godersi la nave meno affollata. Alcuni si rilassano a lato della piscina di quindici metri nei quali si rinfrescano un migliaio di persone ogni giorno.

Il nuovo millennio e le crociere speciali

L'inizio del nuovo secolo – anzi millennio – può essere identificato come l'epoca delle mega navi. Sono gli anni in cui i più ricchi armatori del pianeta si sfidano per realizzare la nave da crociera più grande al mondo. All'inizio del 2021 il primato è detenuto dalla compagnia Royal Caribbean con Symphony of the Seas, un gigante di 362 metri di lunghezza con 18 ponti e 2700 cabine.
Contemporaneamente nascono anche alcune iniziative speciali, come ad esempio le crociere per single che rievocano i fasti di Love Boat e la ricerca dell'anima gemella per mare. Le prime partenze sono caratterizzate da una situazione di notevole squilibrio poiché le ragazze rappresentano un'esigua percentuale del totale dei passeggeri. In seguito alle inevitabili lamentele, gli organizzatori hanno aggiunto nel programma una nota in grassetto per sottolineare che “non si garantisce un uguale numero di uomini e donne a bordo delle navi”.
Poi sono nati i social network e la navigazione a caccia di avventure amorose si è trasferita in rete. 

Breve storia delle crociere - Simphony of the Seas

Le crociere esplorative

Accanto agli itinerari a bordo delle mega-navi, si sviluppa anche un'interessante tipologia di crociere, anche queste dedicate agli amanti... ma quelli della natura.

Sono le crociere esplorative nell'Artico e in Antartide (per le quali confessiamo di avere un debole), a bordo di piccole navi che conducono alla scoperta delle aree più incontaminate del pianeta. La dimensione ridotta delle navi, il numero limitato di partecipanti e l'esperienza delle compagnie di navigazione specializzate, rendono accessibili a tutti i territori polari nell'emisfero boreale e australe.

Breve storia delle crociere - Crociere esplorative

I primi anni duemila sono anche segnati dalla fine della Pacific Princess: dopo numerosi cambi di proprietà, nel 2008 la nave dell'amore ormeggia a Genova per importanti lavori di ristrutturazione. Purtroppo però la società armatrice dichiara il fallimento, così la gloriosa carriera di questa indimenticabile nave termina nel 2014 in Turchia dove viene tristemente smantellata.

Come in passato, anche la tragedia della Costa Concordia nel 2012 non ha rappresentato un ostacolo per la crescita dell'industria delle crociere, culminata nel 2019 con circa 30 milioni di passeggeri movimentati nel mondo.

Poi è arrivato il covid, le grandi eliche si sono fermate e le navi sono ormeggiate nei porti, in attesa di riprendere la navigazione sul grande oceano dell’amore.

Manuel Cazzaniga

Vuoi ricevere informazioni sulle nostre crociere esplorative in Artico e in Antartico? Scrivici a info@blueberrytravel.it 

Newsletter

Odiamo lo spam tanto quanto te. Ti invieremo solamente alcune comunicazioni inerenti i nostri viaggi ed in nessun caso il tuo indirizzo sarà dato ai nostri partner.