Contattaci
Parla con noi

Prima di partire per lo Sri Lanka avevo letto che per raggiungere la sommità di Sigiriya è necessario salire 1200 gradini.

La cosa mi spaventava e non poco.

Non sono atletica ma, come tutte le mamme, quando c’è da mettere il turbo non mi tiro indietro.

Ho quindi cercato foto delle scale di Sigiriya per capire a cosa andavo incontro, ma ho trovato davvero molto poco. Mi sono quindi ripromessa di documentare tutto con la mia macchina fotografica per colmare quel vuoto che c’è in rete.

Ecco quindi quello che era il mio intento: raggiungere la sommità e documentare il percorso.

Sigiriya una roccia che sorge nella pianura, quasi come se fosse costruita a regola d’arte da qualcuno, forse madre natura, che aveva per questa roccia un progetto molto speciale: farne una città.

Quando l’ho scorta da lontano la mia mente ha pensato “sarai mia”... e così su quegli scalini alti e polverosi, ho iniziato a camminare (e faticare) salendo sempre più in alto.

La salita però si rivelava scalino dopo scalino, sempre meno impegnativa grazie alle numerose soste che consentono di prendere fiato, bere acqua ma soprattutto di dare un senso a quella fatica. Il panorama diventa infatti sempre più vasto, più disteso e più verde… la curiosità di salire ancora si fa sempre più forte.

Arrivati alla porta dei leoni “è fatta!” Ho pensato…

ho poi sollevato lo sguardo scorgendo ripidi una coltre fitta di scalini in ferro, attaccati (non si sa come) alla roccia… stretti, trabballanti… instabili e a strapiombo sul vuoto…

“Perfetto… oltre questo c’è la vetta”

Così senza pensarci troppo, ho percorso tutti gli scalini fino ad arrivare al punto più alto, conquistando la sommità e rubando con gli occhi tutto quello straordinario paesaggio che mi si presentava di fronte.

Nel vostro viaggio in Sri Lanka non può mancare la scalata di questa montagna così unica e speciale e non preoccupatevi, perché se ci sono riuscita io ci può riuscire davvero chiunque!

Hai qualche dubbio e vorresti qualche altra informazione? Contattarci alla mail info@blueberrytravel.it.

Non resta che preparare la valigia!

Roberta Manis
Scritto da:
Roberta Manis
Roberta ha iniziato a viaggiare a 20 anni e da allora non si è più fermata dando sempre priorità alla scoperta del mondo. Ama il Giappone ed i mondi artici, il suo eroe è Ernest Shackleton ed è mamma di Aurora.
Scopri il mondo Blueberry e tutte le persone che ne fanno parte
PICCOLI GRUPPI
B-TOUR
TUTTE LE PARTENZE
Il GiappoTour dell'armonia: tour di gruppo guidato in italiano dal Kyushu a Tokyo, passando per Hiroshima, Okayama, Osaka e Kyoto.
16 giorni / 13 notti
Voli inclusi
da € 3.970
Scopri
IL PIU' SCELTO
Questo viaggio di 7 giorni in Corea del Sud con piccolo gruppo e Tour Leader esperto di Corea, ti farà scoprire Seoul e le sue meraviglie. Pronti per il CoreaTour K-Pop?
9 giorni / 6 notti
Voli inclusi
da € 2.400
Scopri

Articoli recenti

Akihabara: cosa vedere, e fare, nella città elettrica
Akihabara: cosa vedere, e fare, nella città elettrica
6 Giugno 2024
Gian Paolo Serra
Ecco una lista su cosa vedere, e fare, ad Akihabara, meglio conosciuta come la città elettrica. Luci led scintillanti, Maid Cafe, cultura otaku, negozi di elettronica e molto, molto altro
Emozioni da Capitano! Giorgio Vanni in Giappone con Blueberry Travel!
Emozioni da Capitano! Giorgio Vanni in Giappone con Blueberry Travel!
31 Maggio 2024
Roberta Manis
Il mitico Giorgio Vanni, il nostro Capitano della musica italiana, si prepara a salpare (di nuovo) per un viaggio straordinario: un viaggio in Giappone con Blueberry Travel, il primo tour operator ad essere rientrato nel paese del Sol Levante dopo la pandemia! Giorgio, che non è certo uno che sta fermo, ha deciso di immergersi […]
PICCOLI GRUPPI
B-TOUR
TUTTE LE PARTENZE

Newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle nuove
destinazioni e speciali promozioni

Cerca il tuo viaggio