Scandinavia 

Copenaghen: la città più green del mondo

20 Aprile 2016

Il mio volo sta per decollare e sono seduta a bordo dell'ATR sas che da Aarhus mi porterà a Copenaghen. Finisce così questo viaggio organizzato da visitdenmark, in perfetto equilibrio tra natura e cultura, sostenibilità, biostyle  e salute.

In un precedente articolo ho avuto modo di spiegare lo spirito del viaggio, ma al momento mi piacerebbe soffermarmi su ciò che mi ha colpita di più della città.

Il viaggio è iniziato con la visita di Copenaghen, vibrante capitale della Danimarca ormai fin troppo nota per luoghi come i giardini di Tivoli, il Nyhavn, la sirenetta e il Palazzo Reale.

La Copenaghen che ho visto io in questi giorni è una città che ha un obiettivo ambizioso e, agli occhi dei più scettici, quasi impossibile: liberarsi dalle emissioni di CO2 entro il 2015.

Per raggiungere questa "chimera" la città di Copenaghen, ha messo in campo una serie di progetti decisamente strabilianti e probabilmente poco interessanti agli occhi del "turista mordi e fuggi" ma decisamente coinvolgenti per i viaggiatori che cercano di entrare in sintonia con il paese che li ospita.

A Copenaghen, ormai, tutto è green.

I tetti dei garage ospitano giardini con particolari coltivazioni in grado di assorbire l'acqua senza pericoli, i tetti della case, come dei moderni robin wood, rubano l'energia al sole per restituirla agli edifici. I moderni sistemi idrici incanalano l'acqua piovana per riutilizzarla nella vita di tutti i giorni. Le banche, le case, gli uffici e tutti gli edifici, paiono volersi sporgere verso l'esterno, inseguendo a catturando ogni raggio di sole. Per questo in ogni dove, i muri paiono scomparie per lasciare il posto ad eleganti vetrate che portano la gente per la strada, e la città all'interno degli uffici.

A Copenaghen, inoltre, si pensa green!

L'aspetto sociale della sua urbanistica, nella sua semplicità, è una genialata che non può che migliorare la qualità della vita di tutti.

Ecco quindi che, in zone apparentemente periferiche, ma che abbracciano la città, sorgono parchi, strutture, passeggiate e piste ciclabili che hanno come obiettivo la continua integrazione tra il cittadino e la natura e l'offerta di una proposta alternativa alla solitudine nella propria abitazione. Lo scopo è "distribuire la popolazione" in una zona più ampia per non congestionare i trasporti verso il centro, oltre che creare nuovi angoli, accarezzati dal mare, dove incontrare gli amici, bere un caffè, fare sport, far giocare i bambini, o semplicemente godere dello spettacolo delle luci che solo la danimarca sa regalare.

Non trovate sia fantastico immaginare una città dove le banche organizzano i propri spazi esterni di modo tale che gli skaters abbiano piazzali dove divertirsi? Non trovate incredibile che sia proprio il comune ad incoraggiare allevamenti di cozze e ostriche al fine di mantenere le acque pulite avendo anche offerta di cibo a km 0.

E non trovate forse fantastico immaginare che una città dove il 50% della popolazione si sposta in bici, abbia come obiettivo il raggiungimento della quota 75%.

"non vogliamo macchine a Copenaghen"

Questo vi diranno i suoi abitanti! Spostamenti in bici, a piedi, o con il bus elettrico sono da prediligersi in quanto meno inquinanti, più economici, e più salutari.

Lo stile di vita green e sostenibile della capitale danese, non è certo in contrasto con l'appagamento dei sensi, in particolare il palato. Non è forse un caso che, proprio a Copenaghen, ci sia uno dei migliori ristoranti al mondo.

Qui l'attenzione per la cucina e la cura per le materie prime, portano anche un semplice  hamburger o un hot dog, a diventare una pietanza gourmet.

Non siete mai stati a Copenaghen? Andateci quanto prima perché ne vale la pena Ci siete già stati? Tornateci e guardatela con nuovi occhi, senza mai mettere piede nel centro ma esplorando le zone periferiche... vi sentirete a vostro agio in men che non si dica e avrete voglia di trasferirvi qui.

Mirtilla

Un ringraziamento particolare a Barbara di visitdenmark per aver organizzato alla perfezione l'educational inserendo attività ricche di interesse e di spunti, e a Giulia di visitdenmark per essere stata così attenta nel far sentire tutti a proprio agio durante il viaggio.

Potrebbe interessarti

Viaggio di gruppo
Capodanno 2020 in Lapponia Viaggio di gruppo partenza da Roma 29 dicembre 2019
4 notti
Finlandia
Capodanno 2020 in Lapponia Viaggio di gruppo partenza da Roma 29 dicembre 2019

Festeggia l'arrivo del 2020 in Lapponia con la magia dell'aurora boreale. Piccolo gruppo, massimo 20 persone.

Da 1895 € scopri di più
Viaggio individuale
Capodanno 2020 in Lapponia - Wilderness Hotel Korpikartano - 29 dic/2 gen
4 notti
Finlandia
Capodanno 2020 in Lapponia - Wilderness Hotel Korpikartano - 29 dic/2 gen

Una fantastica opportunità per festeggiare il nuovo anno in Lapponia con la magica coreografia dell'aurora boreale.

Da 1790 € scopri di più

ultimi articoli

A piedi tra laghi, musei e foreste lapponi. Ecco a voi Inari.
Scandinavia
08 Maggio 2019
A piedi tra laghi, musei e foreste lapponi. Ecco a voi Inari.

Inari, un piccolo villaggio situato sulle sponde del lago, è il centro della cultura Sami della ...

Intervista:
Scandinavia
13 Marzo 2019
Intervista: "Come si vive alle Svalbard"

Qualche tempo fa abbiamo intervistato Kjersti Ellen Norås, allora responsabile dell’Ufficio turis ...